venerdì 17 aprile 2009

Manuela Galati


Oggi vi presento la nostra amica Manuela Galati classe 1981.

Manuela inizia il suo percorso didattico con gli studi presso il Primo Liceo Artistico di Via Ripetta dove acquisisce le tecniche base del disegno, della pittura, dell’architettura, della prospettiva e del modellato.Il suo cammino prosegue con lo studio del restauro e della doratura del mobile antico, attività che la porterà alla formazione diretta sul campo in vari cantieri per l’Italia e all’apertura di una propria bottega di restauro.

La sua passione per la pittura però prevale e nel 2003 si iscrive presso l’ Accademia di Belle Arti di Roma , dove nel 2008 si diplomerà ,frequentando il corso di Decorazione. Quattro anni intensi di creatività che l’hanno portata ad esporre le sue opere in grandi manifestazioni artistiche come, Il Premio Nazionale delle Arti a Bologna e la fiera del Levante di Bari.

Il lavoro artistico di Manuela prende ispirazione da grandi artisti del passato come, Kandinskij, Klee, Boille e Haring.

Con la consapevolezza di tutto ciò che la storia dell’arte ha prodotto, cerca nei suoi lavori di evidenziare la sensibilità cromatica, la percezione del colore e della luce giocando con il monocromo in un accostamento tra lucido-opaco.

Racconta le sue esperienze e le sue emozioni trasformandole in un brodo primordiale composto da forme biomorfe che, come in un puzzle scomposto, lasciano sentire il loro essere unite, intimamente unite. Come la forza di repulsione che si crea tra due calamite, così le forme sono legate da una forza che le avvicina ma che non le permette mai di toccarsi.

Microrganismi, memorie di un vissuto di migliaia di anni fa. Un mondo inventato in cui tutto è armonico, tutto si rivela e si ri-scopre in un plot di incastri perfetti.

Armonia, semplicità, pulizia, pienezza, questo comunicano le sue opere.

Obiettivo primario del suo lavoro è creare un contatto empatico con il fruitore e questa magia, questa fusione ,si percepisce nel momento in cui la mano del fruitore, incuriosita dalla matericità delle opere, si lascia sedurre e attraversare dalla tela. Ed è solo in quel momento, in quell’incontro tattile, intimo, sensibile che la tela prenderà vita e finalmente potrà essere guardata.



Manuela all'opera.

Le sue opere sono tattilità cromatica e contrasti luminosi.
Realizzati con colori e smalti acrilici stesi a colatura le sue "macchie", come piace definirle a lei ,si trasformano in animali fantastici.
Trovo le sue realizzazioni veramente interessanti e da "conoscere di persona" perchè le immagini non rendono giustizia alle sue tele.


Nelle immagini alcune delle sue realizzazioni.

"Biomorfismo"
Acrilico e smalto acrilico su tela dim. 100x100 cm anno 2007.

"Je suis restè enfant" Acrilico su tela dim. 80x80 cm anno 2006.

"Tondo blu " Acrilico e smalto acrilico su tela dim. 80x80 cm anno 2006.



Per contattare Manuela :


Sito : http://www.myspace.com/manuelagalati

e-mail :
ninnuela@inwind.it



Nessun commento: