mercoledì 31 marzo 2010

La tavola rotonda in versione moderna




Ai tempi di re Artù la tavola rotonda era sinonimo di pace, giustizia, serenità. Ma chi l’ha detto che non possa esserlo anche oggi? Il designer Dirk Wynants, riprendendo il concetto di tavola rotonda arturiana, ha progettato Arthur. Si tratta, per l’appunto, di un tavolo con ripiano rotondo, capace di ospitare fino a 12 commensali. Realizzato in laminato bianco ad alta pressione, presenta un interessante bordo nero a contrasto che lo divide, come una torta, in tante “fette”. La particolarità di questo oggetto è, però, il “lazy suzy”, una piccola piattaforma rotante che permette di passare con facilità oggetti o cibo alle altre persone sedute attorno al tavolo.


Questo modello è stato progettato all’insegna della funzionalità, della tecnologia ma anche e soprattutto della convivialità e comunicazione, oggi più che mai da riscoprire, in ufficio come pure a casa. È per questo motivo che Arthur può essere usato indistintamente in ambienti lavorativi e domestici, apportando un tocco di stile classico-moderno in qualunque spazio.



Per maggiori informazioni, si rimanda al sito della casa produttrice, Extremis

Articolo di : Valentina Falcinelli

Nessun commento: